Piano di investimenti triennale: In primo piano l’acquisto di nuovi mezzi

Posted on 19 gennaio 2011

3



Proprio ieri sono venuto a conoscenza di questa notizia, di cui potete leggere qui sotto il testo integrale:

AGI) – Lanciano (Chieti), 18 gen. – Un investimento triennale di 150 milioni di euro per ammodernare la rete infrastrutturale e per acquistare 5 nuovi mezzi su rotaia. E’ la proposta di investimento per i prossimi tre anni di cui parla il presidente del cda della Ferrovia Adriatico Sangritana, Pasquale Di Nardo, prima di riunirsi con i componenti della Quarta Commissione consiliare della regione Abruzzo (Industria-Commercio e Turismo). Di Nardo sta presentando il piano d’impresa ai componenti della Quarta Commissione consiliare presieduta da Nicola Argiro’ (Pdl) che e’ riunita nella sede della Sangritana, in via Dalmazia a Lanciano. “I 150 milioni di euro arriveranno in parte da fondi statali, dal Cipe, e in parte da fondi di esercizio – spiega Di Nardo prima della riunione con la Quarta Commissione – proponiamo un piano triennale di investimenti per ammodernare la rete infrastrutturale, come nel caso della unificazione delle stazioni di Rfi e Sangritana di Castel di Sangro e per acquistare 5 nuovi mezzi su rotaia, 3 locomotive per il trasporto merci e 2 nuovi elettrotreni per la media percorrenza nel trasporto passeggeri”. Il presidente Di Nardo poi conferma che si “sta lavorando a un consorzio di impresa con Trenitalia per cogliere le opportunita’ che il mercato offre, in particolare sulla tratta Vasto-Bologna, per dare un ulteriore servizio ai cittadini abruzzesi in quelle stazioni che Trenitalia ha scelto di non servire piu'”. Di Nardo sta presentando il piano d’impresa ai componenti della Quarta Commissione consiliare presieduta da Nicola Argiro’ (Pdl) che e’ riunita nella sede della Sangritana, in via Dalmazia a Lanciano.(AGI) Ch2/Ett

Sembra che quanto era stato, da me, solo messo in evidenza in questo articolo pubblicato sul blog in precedenza, si stia pian piano concretizzando.
Sembra infatti che ieri il Presidente Di Nardo abbia presentato in commissione il piano di investimenti per i prossimi 3 anni. All’interno si legge la volontà di dotare l’attuale parco rotabile della Sangritana di 3 locomotive per il trasporto delle merci e 2 elettrotreni per la media percorrenza.

La prima richiesta va di certo incontro a quanto detto dall’Assessore Morra nell’intervista a “Sei in Abruzzo”. Mi sembra corretta la scelta di dotarsi di almeno 3 mezzi in modo da poter organizzare turni, gestire manutenzione ordinaria e straordinaria e riserve in caso di soccorso in linea. Non ci resta che attendere il bando e la scelta dei mezzi. Spero che ovviamente vengano presi tipologie di mezzi che già sono stati certificati da RFI e autorizzati alla circolazione sulle linee di interesse di Sangritana, per ridurre al minimo i tempi di entrata in esercizio. Penso quindi che la scelta si ridurrà a mezzi di origine Bombardier (E.483) o Siemens (E.189) già conosciute dal personale di macchina Sangritana.

La seconda avviene nell’ottica di poter offrire mezzi più adatti dei Minuetto, che come aveva fatto notare Di Nardo sarebbero stati usati solo nella fase iniziale,  sui servizi a cui Sangritana si accinge ad offrire sull’Adriatica. Sicuramente per come sono stati descritti nel comunicato gli elettrotreni “per la media percorrenza”, non si fa riferimento alla soluzione che proponevo io in questo articolo, ma a mezzi come gli elettrotreni Stadler tipo FLIRT, come quelli usati da Tilo o dal consorzio Acquario, che di certo sono un passo avanti rispetto al Minuetto se non altro per la maggiore capacità.

Annunci