Nuovo servizio Vasto San Vito – Bologna: Stato dell’attivazione a Novembre 2010

Posted on 29 novembre 2010

0



E’ passato un po’ di tempo dall’ultimo articolo in cui ho trattato l’argomento dell’attivazione del servizio Vasto-Pescara-Bologna. Ritenendo molto interessante per l’utenza questo nuova tratta ho cercato di avere risposte ufficiali dalla dirigenza della Sangritana. Il gentile Presidente Di Nardo, mi ha messo in contatto con l’ufficio Marketing, instaurando così un collegamento preferenziale verso la Sangritana. Quindi c’è stato un piccolo carteggio tra me e il responsabile di tale ufficio.

Riporto, quindi, qui un breve dialogo avuto con il Dott. Carmine Marino dell’Ufficio Organizzazione & Promozione di Sangritana. Lo ringrazio per la disponibilità dimostrata e per tutte le informazioni che potrà darci nel futuro. Per chi inoltre non lo sapesse è coautore insieme a Mario Di Pietro de “La Ferrovia Sangritana nella storia e nelle prospettive dell’Abruzzo” un interessante volume sulla storia e l’evoluzione della Sangritana di cui ho apprezzato al lettura, come appassionato di ferrovie.

WSC: Da cosa nasce l’idea di questo nuovo servizio?

CM: In casa Sangritana abbiamo già in attivo un servizio di autolinea nazionale no stop Lanciano-Bologna, in partenza da Lanciano nei giorni di venerdì, sabato e domenica con rientro da Bologna nelle serate di venerdì, sabato, domenica e lunedì. Tale servizio è stato istituito per venire incontro alle esigenze di tanti studenti universitari del comprensorio frentano ed anche di coloro che gravitano su Bologna per motivi sanitari ed assistenziali.
Da questa realtà,  ben apprezzata e partecipata dall’utenza, l’Azienda ha pensato di istituire un collegamento ferroviario su Bologna, estendendo la partenza da Vasto e con sosta nelle principali stazioni abruzzesi. Detto servizio ha anche il compito di integrare le mancante di Trenitalia che ha tolto fermate e coincidenze in Abruzzo verso il Nord.

WSC: Pensate che i Minuetto sia un materiale adatto ad un servizio come questo di qualità IC?

CM: L’idea di realizzare detto trasporto con i treni Minuetto nasce dal fatto che tali mezzi sono quelli più moderni attualmente in forza in Sangritana.

WSC: Quali sono i motivi del ritardo, di oltre 3 mesi, nell’attivazione del servizio rispetto a quanto annunciato dal Presidente Di Nardo?

CM: Il ritardo nell’attivazione di detto servizio sta nel fatto che la concessione di tracce ferroviarie per servizi commerciali da parte di RFI necessità di assenso delle imprese ferroviarie che gestiscono il trasporto sulla tratta in questione. Nel caso della relazione Vasto-Pescara-Bologna, il principale interlocutore è senza dubbio Trenitalia. Con tale realtà si stanno attivando idonee forme di collaborazione e coinvolgimento in merito alla questione, anche perché un corretto e preciso assenso di Trenitalia consente di avere tracce con orari migliori e quindi convenienti anche per l’utenza.
A ciò si aggiunge anche il fatto che, per l’espletamento di detto servizio, accorre anche acquisire l’assenso degli Assessorati ai Trasporti delle regioni coinvolte (Abruzzo, Marche, Emilia Romagna) ed anche il tal senso ci si sta attivando per organizzare un tavolo comune di discussione sull’argomento con la partecipazione dei rappresentanti regionali delle tre regioni coinvolte.

Ho provato poi a sollecitare il Dott. Marino affinché mi fornisse una data come per farci un nodo al fazzoletto (scusate la citazione alla “Striscia la Notizia”) per darci un futuro appuntamento per tirare le somme sullo stato di questa iniziativa, purtroppo ad oggi la dirigenza ha preferito non sbilanciarsi in merito. Se avrò una qualche risposta la condividerò immediatamente con voi lettori.
Questo è quanto ho potuto fare, spero che molti non siano rimasti delusi, purtroppo l’organizzazione dei servizi ferroviari non è così semplice. Speriamo di avere qualche notizia in più magari in corrispondenza del cambio orario di Trenitalia fissato per il 12 Dicembre 2010.

Annunci